Distorsioni, come si procurano e come si prevengono

distorsione caviglia

Scopri come curare la distorsione della caviglia con le tattiche degli atleti. E come prevenire le ricadute.

Distorsione della caviglia, uno degli infortuni più comuni sui campi di gioco così come tra gli atleti amatoriali. Con l’arrivo della stagione invernale è più facile incorrere in fastidiose distorsioni. Perché? Fare attività sportiva su terreni duri o ghiacciati è una delle cause più frequenti. Ma è facile procurarsi una distorsione alla caviglia allenandosi su percorsi accidentati (ad esempio correndo in città) o indossando calzature inadatte.

Altri comportamenti possono essere responsabili di distorsioni della caviglia, come ad esempio fare un allenamento intenso senza un’adeguata preparazione atletica, come spesso accade al rientro da un infortunio, quando vorremmo rientrare subito in pista come se niente fosse successo.

Infine c’è una predisposizione genetica alla distorsione della caviglia: dipende da quanto sono elastici i nostri tendini, da come poggiamo i piedi e da altri fattori su cui non possiamo intervenire, possiamo solo adattarci e lavorare di prevenzione.

La prevenzione della distorsione della caviglia passa principalmente dal taping, parola inglese che significa semplicemente bendaggio. Si tratta di una tecnica nota tra i preparatori atletici, i fisioterapisti e i massaggiatori sportivi, che consiste nell’effettuare un bendaggio a piede e caviglia in modo da tenere più stabile la posizione ed evitare movimenti scorretti. Il taping è indicato a chi ha già subito una distorsione della caviglia e vuole rientrare gradualmente in forma evitando altri traumi.

Per il resto bisogna cercare di evitare tutte le situazioni espresse in premessa e cercare di allenarsi gradualmente, senza voler strafare subito (specialmente dopo un infortunio), fare attenzione al terreno dove si pratica sport e in caso prendere le dovute precauzioni (vedi taping), scegliere scarpe adeguate.

Infine, se ci siete cascati (è proprio il caso di dirlo) e vi siete procurati una dolorosa distorsione della caviglia, ci sono due tattiche da seguire.

In fase acuta la cosiddetta strategia RICE, che sta per Rest (riposo), Ice (ghiaccio, per almeno un quarto d’ora al giorno sulla zona dolorante), Compression (bendaggio), Elevation (tenere il piede il più possibile sollevato in modo da favorire la circolazione e il riassorbimento dell’edema).

In seconda battuta potete ricorrere a un massaggio linfodrenante, che aiuta a drenare i liquidi e ridurre il gonfiore attraverso la stimolazione del sistema linfatico. E’ un modo semplice e indolore per accelerare la ripresa e ridurre l’edema. Possono aiutare anche lozioni a base di arnica e artiglio del diavolo. Ma ricordati sempre di rivolgerti a un professionista del massaggio per evitare di peggiorare la situazione.

Scegli il tuo professionista del massaggio a Firenze e Bagno a Ripoli

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...